20/7/2013 - SAN GREGORIO ARMENO
There are no translations available.

Chiostro di S. Gregorio Armeno

 

UNA “STANZA DI PARADISO IN TERRA”

SABATO 20 LUGLIO 2013 ore 10:00

Appuntamento a p.zza S. Gaetano, estremità superiore di via S. Gregorio Armeno, lato destro (fuori alla chiesa di S. Lorenzo)


Contributo soci Napolinternos: € 5.
Contributo esterni: € 7,00.
Ragazzi fino a 12 anni: gratis.


PRENOTAZIONI E INFORMAZIONI: tel. 337.945734 - 335.422109 - 338.4919853 – This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it  
LA PRENOTAZIONE È OBBLIGATORIA.

 

 

San Gregorio Armeno: storia, architettura, arte e tradizioniUna piacevolezza laica spira all’interno delle mura del convento di S. Gregorio Armeno, quasi in contrasto con la rigida facciata. Sacro e profano, segregazione e mondanità, leggende e devozione si intrecciano all’interno di un complesso monastico che attinge ad origini pagane per svilupparsi al cielo con una struttura architettonica estremamente originale, sviluppata nel corso dei millenni da una base pagana alle sopraelevazioni inusitate del cosiddetto “coro d’inverno”. Arte, musica, potere, pietà, devozione, cultura, buona cucina: tutti punti di eccellenza in questo monastero antico di più di 12 secoli, definito nella guida del Celano "stanza di Paradiso in terra", che ha visto entrare tra le proprie mura bambine delle più potenti famiglie nobiliari napoletane, per non uscirne più, ma educandole a volte con esiti rivoluzionari.
Visiteremo insieme la chiesa monumentale e il chiostro con il primo coro, il salottino della badessa, l’antica cucina e la primigenia cappella della Madonna dell’Idria.

 

La storia di S. Gregorio Armeno è analizzata con dovizia di dettagli da moltissimi punti di vista (storico, artistico, architettonico, religioso, socio-antropologico, nonché della vita delle donne) nel volume collettivo "San Gregorio Armeno: storia, architettura, arte e devozione" a cura di Nicola Spinosa, Aldo Pinto e Adriana Valerio, corredato dalle meravigliose fotografie di Luciano Pedicini (Fridericiana Editrice Universitaria).

 
  • Napolinternos
  • Napolinternos
  • Napolinternos
  • Napolinternos